Dello spazio vuoto

Così voglio continuare le mie riflessioni, mentre guardo e riguardo la mia storia.

Se c’è una cosa alla quale anche Scritte non si è sottratta (in alcuni casi sì), è la tendenza a riempire tutti gli spazi con le parole.

D’altro canto, il progetto Scritte è nato grazie a un’idea: mettere una storia su un oggetto funzionale a qualcosa (le prime sono state un paio di scarpe), e quindi riempirla di parole.

L’uomo non sopporta il silenzio, è nato per le relazioni, e la società in cui viviamo fa di tutto per riempire di cose – anche inutili – ogni minuto e ogni spazio della nostra esistenza.

A volte è bene lasciare uno spazio e un tempo per il vuoto: che sia uno spazio senza scritte o un momento di silenzio, senza suono.
Ed è lì che – come l’uomo in preghiera di AlphaBeta – si ritrova la pace, si dialoga con Dio, o semplicemente ci si lascia guardare.

Metto qui il link a un articolo che ha quasi 4 anni, e che parla proprio di questo.

https://link.medium.com/Fire7I3lKqb

E voi vi ritagliate un po’ di silenzio, non necessariamente in una chiesa, ma anche ascoltando i rumori della natura, o nella vostra camera?


Ah, dimenticavo:  sul mio manufatto ho voluto mettere queste due frasi, che poi so sono mischiate come le onde del mare:

Il talento va coltivato e messo al servizio
Il tempo è offerto e mai sprecato

due cose in cui credo fermamente!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: