Pillole di Pazienza: la fiducia

dagli ulivi ai popcorn

“L’ulivo nei primi tre o quattro anni di vita non da frutto in alcuni casi ce ne mette anche 8 In pratica quando un contadino pianta un ulivo lo fa come investimento sul lungo periodo lo pianta per le generazioni successive.”

nonno Domenico

“Preparare i popcorn nel suo piccolo è un gesto di fiducia e pazienza. Una una volta coperta la pentola non potevo vederne il suo interno; sapevo che ci sarebbero voluti più o meno 5 minuti ma non avevo modo di verificarlo. Dovevo semplicemente aspettare; dovevo semplicemente fidarmi”.

Raffaele

Ho voluto mettere insieme queste due citazioni perché parlano del legame tra fiducia e pazienza e perché sono due episodi di famiglia che Raffaele racconta generosamente nel libro.

Quindi – solo per questo – avete già un buon motivo per recuperare le due storie, sono due chicche.

Se penso alla fiducia e alla pazienza mi viene subito in mente la mia attività di educatrice con i ragazzi del catechismo.

Sono sempre stati “esuberanti”, vent’anni fa come oggi, eppure ho imparato con l’esperienza che i ragazzi sono un po’ come delle spugne: ascoltano, pure quando nell’incontro pare che abbiano la testa altrove (un richiamo ogni tanto ci vuole…). E poi, concluso il percorso, quelli peggiori, su cui non avresti puntato un soldo, sono quelli che invece si ricordano, anche solo di salutarti se ci si incrocia per strada.

Ho imparato, da catechista, ad avere la pazienza del contadino. Io semino, e raramente raccolgo a breve termine.

Ma i frutti del mio lavoro, a lungo termine, emergono.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: