Tu chiamale, se vuoi, emozioni…

No, non voglio scrivere un articolo su una canzone di Battisti, ma le sue parole mi servono per introdurre questa riflessione.

Se sei iscritto alla newsletter di Riccardo Scandellari allora avrai già letto qualcosa di quello che ci ha regalato in merito all’interazione fra le persone, anche nel mondo digitale.

Vorrei condividere con te, che ora stai leggendo, qualche breve passaggio del suo testo, accostandovi le impressioni che hanno lasciato prima nella mia mente, e poi nel mio cuore.

Ho sempre avuto un ideale romantico della comunicazione online. Un luogo in cui persone dialogano con altre persone in un sistema accessibile senza impedimenti fisici, in cui il confronto è un motore della crescita comune. 

Che poi è quello che penso anch’io. Non so se definirlo “romantico”, come scrive Skande, o piuttosto “emozionale”. Di certo non troverai mai sul mio blog fredde guide tecniche, perché non è il mio scopo.

Aver trovato persone come lui che interagiscono e sanno emozionare, trasmettendo al contempo il proprio sapere… non ha prezzo!

“non ho mai pensato di essere il detentore di un sapere superiore, mi ritengo un semplice ricercatore che si nutre anche di idee altrui.”

L’umiltà è un talento prezioso che molte persone famose, che raggiungono un certo grado di visibilità o di successo, spesso dimenticano, offuscati forse dalla fama e dal dio denaro.

Seguo Riccardo da un po’ e davvero posso dire che è una persona umile: umile nel trasmettere sapere, gentile e cortese nei modi, anche quando deve rispondere un “no”.

questo mio lato romantico mi ha portato da sempre ad evitare barriere di ingresso o monetizzare il mio tempo di interazione.

Gratitudine: un vocabolo, e un sentimento, che ha nella sua radice un’altra parola: Gratis.

Se è vero che, prima di tutto quello che hai letto nelle frasi che ho citato, Skande era partito da questo preambolo:

Alcuni grandi comunicatori hanno creato gruppi privati in cui se paghi ottieni il “diritto alla relazione”. Lo fanno i guru del settore e non ci vedo nulla di male.

trovo che assuma un valore assai più grande chi ti ascolta e ti risponde “gratuitamente”.

Non dobbiamo dimenticarci di manifestare la nostra gratitudine a tutte le persone che agiscono – o meglio “inter-agiscono” – in questo modo. Credo che sia una “monetizzazione” morale o spirituale più preziosa del racimolare soldi.

L’interazione è un privilegio che se non è vissuto da entrambe le parti allo stesso modo porta alla fine della crescita e del rispetto del tuo pubblico.
Se produci idee, non puoi privarti di conoscere e confrontarti con le idee e i bisogni delle persone che ricevono la tua comunicazione.

Ecco perché con il mio nuovo blog sto cominciando ad aprire le porte ai commenti. Non so se diventerà faticoso stare dietro a tutti. Di certo mi farà piacere ascoltare i pensieri di te, che mi stai leggendo.

Grazie, per avermi letto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: