Raffaele, e quella formula per diventare Batman

Ieri Raffaele Gaito postava sui social una sua personale esperienza, che mi ha fatto riflettere e ha mi ha fatto tornare alla mente una bella cosa, che mi aveva scritto rispondendo a una delle mie domande della sua “Intervista dal basso”…

Avrei voluto estrarne qualche pezzo, ma il post è troppo bello e merita di esser letto per intero.

Sudore, tachicardia, mani fredde…

Dopo averlo letto, sono andata a ripescare anche la mia intervista fatta a lui e pubblicata il 30 ottobre 2019. Come non chiedere di Batman?

Raffaele mi scriveva:

La questione Batman oggi ha preso una piega incredibile ed è diventata più grande di me.

Ma ha delle radici lontane e più serie di quello che sembra. Tutto nasce dalla domanda “supereroi si nasce o si diventa?”

Tra i due supereroi più famosi e conosciuti al grande pubblico, Superman e Batman, tifare per Batman significa credere che supereroe si diventa.

È facile essere Superman. In fondo sei un alieno con i superpoteri e vieni a fare il bulletto in un pianeta dove sono tutti meno forti di te.

Batman invece superpoteri non ne ha, è uno che per fare il lavoro che fa si fa il mazzo ogni giorno e ci deve investire personalmente: tempo, soldi, studio, allenamento, e così via. Ed è uno che deve scendere a compromessi, di continuo. Non è un buono nel senso classico del termine.

Ecco, io voglio credere che supereroi si possa diventare e che per farlo bisogna allenarsi di continuo e studiare di continuo. La famosa pazienza e costanza di cui parlo spesso.

Per chiudere: no, non mi sento un supereroe ed è per questo che (anche se ci scherzo) dico sempre che mi sto allenando per essere Batman, non che lo sono.


Forse l’allenamento per diventare Batman è nato sui banchi della “specialistica”, a quell’esame, in quei 10 minuti in fondo all’aula!

Mai arrendersi, e credere in se stessi!

p.s. : se volete rileggere la mia intervista intera, vi lascio il link: “Raffaele, il Gaito che non ti aspetti”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: